Logo Acquedotti Tirreni Acquedotti Tirreni

Normativa Nazionale Normativa Nazionale

Disposizioni statali che regolano la materia idrica: le principali norme e la giurisprudenza intervenuta

  • DECRETO LEGISLATIVO 3 Aprile 2006, n. 152: Norme in materia ambientale. (G.U. n. 88 del 14/04/2006 - S.O. n. 96) Testo vigente

  • CORTE COSTITUZIONALE. Servizio idrico integrato- Competenza esclusiva dello stato nelle materie della tutela della concorrenza e della tutela dell’ambiente - Art. 4, c. 1 - c. 4 - c. 5 e c. 6 L.r. Liguria n. 39/2008.

  • CORTE COSTITUZIONALE- 17 novembre 2010, n. 325

  • LEGGE 25 febbraio 2010, n. 36: Disciplina sanzionatoria dello scarico di acque reflue. (GU n. 59 del 12-3-2010)

  • DECRETO 14 aprile 2009, n. 56: Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare. Regolamento recante «Criteri tecnici per il monitoraggio dei corpi idrici e l'identificazione delle condizioni di riferimento per la modifica delle norme tecniche del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante Norme in materia ambientale, predisposto ai sensi dell'articolo 75, comma 3, del decreto legislativo medesimo». (GU n. 124 del 30-5-2009 - Suppl. Ordinario n.83)

  • DECRETO LEGISLATIVO 16 marzo 2009, n. 30: Attuazione della direttiva 2006/118/CE, relativa alla protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento e dal deterioramento. (GU n. 79 del 4-4-2009)

  • DELIBERAZIONE 18 dicembre 2008: Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica. Direttiva per l'adeguamento delle tariffe per i servizi di acquedotto, fognatura e depurazione. (Deliberazione n. 117/2008). (GU n. 71 del 26-3-2009)

  • DECRETO 16 giugno 2008, n. 131: Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Regolamento recante i criteri tecnici per la caratterizzazione dei corpi idrici (tipizzazione, individuazione dei corpi idrici, analisi delle pressioni) per la modifica delle norme tecniche del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante: «Norme in materia ambientale», predisposto ai sensi dell'articolo 75, comma 4, dello stesso decreto. (GU n. 187 del 11-8-2008 - Suppl. Ordinario n.189)

  • DECRETO 6 aprile 2004, n. 174: Ministero della Salute. Regolamento concernente i materiali e gli oggetti che possono essere utilizzati negli impianti fissi di captazione, trattamento, adduzione e distribuzione delle acque destinate al consumo umano. (GU n. 166 del 17-7-2004)

  • LEGGE 26 febbraio 2004, n. 45: Testo coordinato del Decreto-Legge 24 Dicembre 2003, n. 354: Testo del decreto-legge 24 dicembre 2003, n. 354 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 300 del 29 dicembre 2003) coordinato con la legge di conversione 26 febbraio 2004, n. 45, recante: "Disposizioni urgenti per il funzionamento dei tribunali delle acque, nonché interventi per l'amministrazione della giustizia". (GU n. 48 del 27-2-2004)

  • DECRETO 29 dicembre 2003: Ministero della Salute - Attuazione della direttiva n. 2003/40/CE della Commissione nella parte relativa ai criteri dei valutazione delle caratteristiche delle acque minerali naturali di cui al decreto ministeriale 12 novembre 1992, n. 542, e successive modificazioni, nonché alle condizioni di utilizzazione dei trattamenti delle acque minerali naturali e delle acque di sorgente. (GU n. 302 del 31-12-2003)

  • DECRETO 12 giugno 2003, n. 185: Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio. Regolamento recante norme tecniche per il riutilizzo delle acque reflue in attuazione dell'articolo 26, comma 2, del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152. (GU n. 169 del 23-7-2003)

  • LEGGE 31 luglio 2002, n.179: Disposizioni in materia ambientale. (GU n. 189 del 13-8-2002)

  • LEGGE 11 marzo 2002, n. 40: Ratifica ed esecuzione dell'Emendamento all'articolo XXI della Convenzione sull'Organizzazione idrografica internazionale, adottato a Monaco Principato nel corso della Conferenza tenutasi dal 14 al 25 aprile 1997. (Pubblicata su GU n. 72 del 26-3-2002).

  • DECRETO 8 gennaio 1997, n. 99: Ministero dei Lavori Pubblici - G.U.R.I. 18 aprile 1997, n. 90 Regolamento sui criteri e sul metodo in base ai quali valutare le perdite degli acquedotti e delle fognature.

  • LEGGE 5 gennaio 1994, n. 36 (c.d. Legge Galli) S. O. n. 11 G.U.R.I. 19 gennaio 1994, n. 14 Disposizioni in materia di risorse idriche.

  • R.D. 11 dicembre 1933 n. 1775 "Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici"


SOCIETÀ ACQUEDOTTI TIRRENI SpA esprime quei valori e quella qualità che nel tempo ne hanno fatto una azienda di riferimento nel campo del servizio idrico integrato svolgendo la sua attività per conto di aziende ed enti occupando uno spazio di mercato che pochi, per storia, possono vantare. L’esperienza maturata costruita in oltre cento anni di storia unita alla capacità di rinnovarsi per evolversi, fa di SOCIETÀ ACQUEDOTTI TIRRENI SpA una realtà di grande interesse.

SOCIETÀ ACQUEDOTTI TIRRENI SpA dispone di una propria struttura tecnica ed amministrativa in grado di fornire un servizio qualificato nel settore della ricerca, captazione e distribuzione della acqua potabile, della gestione di reti fognarie e della depurazione delle acque reflue, nella progettazione e realizzazione di impianti ad energia rinnovabile e nella realizzazione di opere edili industriali e di abitazioni residenziali.

SOCIETÀ ACQUEDOTTI TIRRENI SpA opera ed offre una ampia gamma di prestazioni, fornendo assistenza e supporto diversificato alle pubbliche amministrazioni, alle aziende ed ai privati attraverso stesure revisioni e ricognizioni di piani di ambito, piani di investimento, piani tariffari, delibere quadro e ricerche di mercato attinenti al servizio idrico.

_______________________________________________________________________________________________________________________
| S.A.T. SpA Società Acquedotti Tirreni | Via XX Settembre, 210 | 19121 La Spezia (SP) | P.Iva 00071500110 |
| Tel. 0187.734140 - 0187.731381 | Fax 0187.29218 | m@il: amministrazione@acquedottitirreni.it |